Faro Capel Rosso - Sponsor ufficiale
Festival del Faro - L'isola che c'è

Dal 14 al 17 Giugno 2018, fai trasportare il tuo cuore tanguero nella magica atmosfera del Giglio, l'Isola che c'è. Un luogo dove tutto è possibile; un'isola in cui il mare cristallino, le spiagge, le notti magiche, la natura incontaminata, le star internazionali del tango e le note eseguite magistralmente da Walter Abrigo, Punto y Branca, Alessandro Francini e Fabrizio Frappi, si fondono nell'evento tanguero che trasforma tutti i tuoi sogni in realtà.

Liberandotango, con la straordinaria partecipazione di Faro Capel Rosso, è orgogliosa di presentare il 1° Festival del Faro 2018, un evento in cui la natura selvaggia e ricca di storia e natura dell'Isola del Giglio è scandita da magiche notti tanguere. Un evento suggestivo, passionale e coinvolgente, da trascorrere tra cultura, scenari mozzafiato, escursioni, e naturalmente, il tango argentino. E sarà proprio il tango il filo conduttore che scandirà il tempo dei tuoi sogni nelle notti tanguere. Proprio qui, nell'Isola che c'è, dritti fino al mattino. 

FARO CAPEL ROSSO <br/> Respira la Grande Bellezza

FARO CAPEL ROSSO
Respira la Grande Bellezza

“È tutto sedimentato sotto il chiacchiericcio e il rumore, il silenzio e il sentimento, l'emozione e la paura… Gli sparuti incostanti sprazzi di bellezza.”

Ai più attenti non sarà sfuggito: nel film La grande bellezza di Paolo Sorrentino, c’è un faro, un bellissimo faro dalla torre bianca esagonale che si appoggia ad un fabbricato a strisce bianche e rosse che fa da presenza silenziosa, solitaria e romantica. Questa lanterna rappresenta nel film l’icona del ricordo d’infanzia, anzi di adolescenza, con il primo amore sbocciato sul mare quando il protagonista era giovanissimo. Lei, la ragazza che non lo dimenticherà mai, ha la chioma bionda ed è di spalle e sale verso la grande casa del faro, un simbolo di ritorno alle origini che è tutta la metafora del film. Ebbene, quel faro è all’isola del Giglio e le riprese hanno coinvolto per qualche tempo tutta la popolazione di un luogo speciale come lo è l’isolotto toscano. Anche il regista Paolo Sorrentino e la sua troupe hanno fatto tappa qui e chissà se la scelta di un “cameo” in questo luogo non sia stata dettata anche dalla parola “naufragio”, che nel film è un naufragio umano e sociale dal quale – sembra che si suggerisca – solo il ritorno alle radici e alla semplicità può salvarci.

Prenota il tuo pacchetto preferito

4 Stages e Milonghe = € 180
6 Stages e Milonghe = € 190
8 Stages e Milonghe = € 200